L


L’Istituto Tecnico Agrario "Basile-Caramia" - Locorotondo

La nascita dell'Istituto Tecnico Agrario "Basile-Caramia" di Locorotondo è connessa alla presenza in loco dell'Ente Opera Pia "Basile-Caramia".

L'Opera Pia Scuola Agraria "Basile-Caramia" è sorta per volere del benefattore Giovanni Basile-Caramia, il quale, con testamento olografo del 20 gennaio e 8 luglio 1905, disponeva che l'intera sua proprietà fosse assegnata al Capo dello Stato al solo precipuo scopo di fondare in Locorotondo, alla Masseria Ferragnano, una scuola agraria per istruire i figli degli agricoltori poveri del comune di Locorotondo. L'Opera Pia, per raggiungere i fini previsti dallo Statuto, a decorrere dall'anno scolastico 1946/47, istituiva una scuola di Avviamento professionale a tipo agrario legalmente riconosciuto. Tale scuola, a decorrere dall'anno scolastico1952/53, veniva statizzata ed i relativi oneri venivano assunti dal Ministero della Pubblica Istruzione.
Intanto dall'anno scolastico 1951/52 l'Ente richiedeva ed otteneva l'autorizzazione per il funzionamento di una scuola secondaria di tipo agrario (Istituto Tecnico Agrario parificato). Dal 1° ottobre 1958 anche tale scuola veniva statizzata e gli oneri passavano al Ministero della Pubblica Istruzione.
Per ottenere la statizzazione, però, era necessario che la scuola disponesse di un'azienda agraria e che un ente locale si impegnasse a provvedere agli oneri previsti dalla legge Comunale e Provinciale.

In tale occasione venne stipulata una Convenzione fra l'Opera Pia, la Scuola Agraria "Basile-Caramia" e l'Amministrazione provinciale di Bari, con cui l'Opera Pia predetta si impegnava ad assumere tutti i relativi oneri di cui all'art. 144 della Legge Comunale e Provinciale 3 3.1934 n.383 ed a fornire all'istituto un'azienda agraria della estensione di Ha 21; l'Amministrazione Provinciale si impegnava al versamento diretto a favore dell'Opera Pia di un contributo annuo di L 1.500.000 con inizio dal 1° ottobre 1958 e con esclusione di qualsiasi altro onere.
La misura di tale contributo e stata aumentata a decorrere dall'anno scolastico 1959/60, a seguito delle maggiori spese occorrenti per il funzionamento del corso di specializzazione in Viticoltura ed Enologia, rimanendo a carico dell'Opera Pia gli oneri eccedenti la spesa del contributo.
Con D.M. dell'agosto 1984 il corso di specializzazione ha ottenuto la sperimentazione didattica già funzionante con l'anno scolastico 1984/85.
Dall’anno scolastico 1996 - 1997 l'Istituto, all’interno del programma di riorganizzazione delle Istituzioni Scolastiche, è stato accorpato sotto gli aspetti dirigenziali e di coordinamento amministrativo all'Istituto Tecnico Agrario "F. Gigante" di Alberobello. Dal 25/6/2001, con la delibera N° 41 del Consiglio d’Istituto le due sedi sono state accomunate sotto l’unico nome di ISTITUTO TECNICO AGRARIO STATALE “B. CARAMIA” – “F. GIGANTE” con ordinamento speciale per la viticoltura ed enologia – Locorotondo - Alberobello.

 

 

I laboratori

LABORATORIO DI DEGUSTAZIONE DEI VINI

E' l'aula dove si formano e si affinano le capacità professionali dell'Enotecnico utili alla valutazione sensoriale dei vini finiti ed imbottigliati.
Le esercitazioni mirano ad allenare il complesso sensoriale dell'allievo per valutare pregi ed eventuali difetti presenti nel vino e giungere così alla certificazione dell'origine e della denominazione del vino stesso.


LABORATORIO DI DEGUSTAZIONE DEGLI OLI

Allestito nel 2009 in seguito a finanziamento PON - FESR, il laboratorio di degustazione degli oli mette a disposizione degli studenti la strumentazione necessaria ad effettuare, nel rispetto dei protocolli ufficiali la degustazione degli oli di oliva. In questo laboratorio gli studenti imparano ed affinano le procedure di analisi sensoriale dell'olio di oliva, a completamento ed ad integrazione delle analisi chimico-fisiche apprese nel laboratorio di chimica.


LABORATORIO DI MICROBIOLOGIA


Il laboratorio di microbiologia agraria ed enologica è il supporto didattico che gli studenti utilizzano per lo studio dei microrganismi e delle biotecnologie applicate alla produzione dei vini.
Le esercitazioni pratiche consentono agli studenti di acquisire tutte le competenze necessarie per gestire con successo le pratiche e i controlli microbiologici indispensabili per il miglioramento della qualità nelle produzioni vitivinicole.


LABORATORIO DI SCIENZE NATURALI E FITOPATOLOGIA


È l’ambiente ideale per l’approccio alle scienze sperimentali; gli studenti hanno la possibilità di verificare e sperimentare le loro conoscenze biologiche attraverso ausili didattici che consentono lo studio degli organismi a livello macroscopico  e microscopico.
La sperimentazione biologica viene completata con la partecipazione degli studenti (attraverso stage e visite guidate) alle attività di micropropagazione e di diagnosi fitopatologia del Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura presso la sede di Locorotondo.


LABORATORIO DI CHIMICA


Nel laboratorio di chimica, attrezzato con moderni strumenti di analisi, l’alunno verifica e sperimenta le caratteristiche chimiche della materia ed impara ad eseguire e ad interpretare le analisi di qualità dei prodotti agralimentari.


LABORATORIO LINGUISTICO MULTIMEDIALE

Realizzato nel 2009 in seguito a finanziamento PON, il laboratorio linguistico multimediale è un ausilio indispensabile all'apprendimento delle lingue straniere. Attraverso l'impiego del computer e di software dedicati, con l'aiuto del docente di lingua, gli studenti affinano con tecniche a loro congeniali la capacità di comprendere e di esprimersi in lingua inglese.


LABORATORIO DI INFORMATICA

I laboratorio di Informatica, fruibile per attività curriculari che extracurriculari, consente l’introduzione della tecnologia informatica nelle diverse aree disciplinari. Con le sue numerose postazioni multimediali in rete e collegate ad Internet, costituisce l’ambiente ideale per l’apprendimento attraverso l’uso di supporti didattici multimediali.


LABORATORIO DI TOPOGRAFIA

La dotazione di strumenti topografici, acquisiti nel corso dei tanti anni d’attività della scuola, costituisce una ricca collezione dalla quale è possibile evincere l’evoluzione nel tempo delle tecniche di rilievo del territorio. Sono infatti presenti sia storici teodoliti ottico-meccanici che i più recenti apparati a lettura digitale.
L’aula dedicata a laboratorio di topografia è il luogo deputato all’esame ed alla comprensione della strumentazione topografica, ma la vera palestra per le applicazioni in campo è costituita dagli ampi spazi esterni di pertinenza esclusiva della scuola nei quali è possibile svolgere esercitazioni che riproducano le reali attività di campagna dell’agrimensore.

 

Consulta la galleria fotografica delle nostre strutture

 

L'Azienda agraria e la cantina didattica

La partecipazione alle diverse attività che si svolgono nell'azienda agraria e nella cantina didattica, permette agli studenti, di sviluppare le proprie capacità tecnico-pratiche-gestionali.
L'azienda di Locorotondo ha una superficie di 18 Ha con un indirizzo arboricolo caratterizzato dalla coltivazione di vigneti specializzati nella produzione di uva da vino, di oliveti e di un frutteto misto.
I vigneti sono rappresentati da vitigni autoctoni e alloctoni, di recente introduzione da altre zone, innestati su portainnesti diversi e allevati a controspalliera e tendone.
Le uve prodotte, che appartengono a cultivar bianche (Verdeca, Bianco d’Alessano, Fiano, Pinot, Riesling, Sauvignon, Malvasia di Candia, Malvasia d’Istria) e nere (Aleatico, Nebbiolo, Sangiovese, Negrara, Barbera, Montepulciano, Primitivo) a maturazione vengono trasformate nella cantina didattica - sperimentale della scuola per ottenere i vini omonimi e/o vini di uvaggi sperimentali ai fini del miglioramento della qualità.
L’oliveto è rappresentato da varietà locali il cui prodotto viene trasformato nell’oleificio didattico-sperimentale della sede di Alberobello per ottenere olio extravergine denocciolato di qualità.

La Cantina didattica sperimentale è la struttura fondamentale che permette di concretizzare, secondo l’equazione teoria – pratica - teoria, l'azione didattica, formativa e professionalizzante dell'insegnamento della tecnologia enologica intesa come disciplina sintesi delle materie di base.
In cantina si studiano, si osservano, si individuano e si sperimentano problematiche fisiche, chimiche, microbiologiche meccaniche etc. relative alla trasformazione uva – mosto - vino, nonché l'evoluzione stessa delle componenti e delle caratteristiche organolettiche del vino.
La struttura è costituita da locali di antica e pregevole costruzione (risalenti alla seconda metà dell’‘800), integrati da un recente ampliamento, nei quali sono razionalmente sistemate macchine, attrezzature, contenitori ed impianti per l'ammostamento, la vinificazione, la conservazione, l'invecchiamento, l'imbottigliamento ed il confezionamento del vino. La cantina è attrezzata, inoltre, di autoclavi per la spumantizzazione con metodo Charmat.
In essa vengono vinificate singolarmente, con adeguata e razionale enotecnica, le uve prodotte dal vitigni autoctoni e di nuova introduzione coltivati nell' azienda agraria dell'istituto.
Infine, in collaborazione con il Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura, annesso all'Istituto, e con l'Università degli Studi di Bari vengono condotte attività sperimentali con  la selezione clonale di vitigni pugliesi di particolare pregio e relativa vinificazione

Consulta la galleria fotografica delle nostre strutture

 

Il convitto

Il convitto annesso alla sede dell'Istituto consente agli studenti residenti in comuni molto distanti di trovare una confortevole sistemazione di tipo sia residenziale che semiresidenziale, sotto la vigile cura del personale educativo in servizio in tutto l'arco della giornata e della notte. La conduzione del convitto è affidata per gli aspetti logistici al personale ATA (cuochi, infermieri, guardarobieri, ecc.), mentre il coordinamento educativo è affidato agli istitutori. Al coordinatore del convitto è affidato il compito di fare da raccordo con l’attività didattica del mattino e con le varie iniziative. Il Dirigente scolastico sovrintende a tale struttura, in quanto essa è parte integrante dell’Istituto.
La struttura prevede per i convittori l’ospitalità in camere con numero variabile di posti, la possibilità di usufruire del servizio mensa (colazione, pranzo, merenda e cena), del servizio di guardaroba (lavanderia e stireria), la presenza di un infermiere. Per quanto riguarda le attività ricreative il convitto è fornito di una sala giochi, di una sala TV con videoregistratore, di un campo di calcetto e delle palestre coperte. I Convittori della sede di Locorotondo possono usufruire anche delle strutture del CRT. Per lo studio pomeridiano vengono utilizzate le aule scolastiche.
Per i convittori l’orario si articola dalle 7,30 del lunedì alle ore 12,00 del sabato; è previsto infatti il rientro in famiglia al temine delle lezioni settimanali.
I convitti prevedono un servizio di semiconvitto, la possibilità cioè per studenti e studentesse di usufruire del servizio mensa e dei servizi offerti (studio pomeridiano, attività ricreative e culturali). Per i semiconvittori l’orario va dalle 13,00 alle 18,30, dal lunedì al venerdì.
La gestione convittuale e semiconvittuale si articola secondo un regolamento di Istituto. Tale regolamento stabilisce tra l’altro i criteri e le modalità di ammissione degli alunni, nonché l’ammontare della retta annuale e le sue modalità di pagamento.
La funzione educativa dei convitti si esprime, pertanto, in tutta una serie di servizi ed iniziative finalizzate a rendere il soggiorno un'occasione veramente proficua di crescita umana e sociale dei ragazzi ospiti e di tutti gli altri studenti della scuola: Attività culturali, ludiche e sportive che si integrano con la tradizionale assistenza allo studio.

Consulta la galleria fotografica delle nostre strutture

 

Biblioteca

Nella nostra biblioteca sono stati catalogati circa seimila volumi di argomenti umanistici, scientifici e tecnologici. Sono consultabili venti enciclopedie tra cui l’ormai introvabile Enciclopedia Agraria Italiana.

E' in corso un progetto di archiviazione informatica del materiale bibliografico.

 

 

 

La palestra

La palestra e gli impianti sportivi annessi agli Istituti costituiscono per gli studenti un insostituibile luogo di socializzazione e di sviluppo psico-motorio

 

 

Printer Friendly Page Send this Story to a Friend